Protezione Civile ed Emergenze

L'Unione dei Comuni di Bellusco e Mezzago ha predisposto il Piano per lo sgombero della neve.

Il servizio, garantito da mezzi adeguati, si attiverà all’occorrenza per liberare le strade, dando priorità alle vie principali, cui seguiranno quelle secondarie, e infine i parcheggi. Contemporaneamente gli operai comunali si occuperanno della pulizia degli accessi ai servizi pubblici e dei marciapiedi ad essi prospicenti. Lo spargimento di sale sarà effettuato se necessario.

Per segnalazioni d’emergenza relative alla viabilità è attivo da lunedì a sabato dalle 7.30 alle 19 il numero del Corpo di Polizia Locale B. Est 039/62083232, ulteriori segnalazioni possono essere effettuate anche all’Ufficio Lavori Pubblici, Manutenzioni e Patrimonio ai numeri 039/62083213-18.

Si ricorda che a la legge e i regolamenti comunali obbligano i cittadini alla pulizia di marciapiedi, passi carrai e spazi attigui alla propria proprietà. Sulla questione si rimanda all’art. 25 del Regolamento Comunale di Polizia Urbana:

REGOLAMENTO DI POLIZIA URBANA

ART.25 - E’ fatto obbligo ai proprietari, agli amministratori, ai conduttori degli stabili e agli esercenti attività prospettanti sulla pubblica via di provvedere allo sgombero della neve dai marciapiedi. Quando si ravvisa la necessità di procedere allo sgombero della neve dai tetti, terrazze e balconi deve essere data comunicazione al Comando di Polizia Locale; in caso di assenso le operazioni devono essere effettuate adottando le necessarie cautele ivi inclusa la delimitazione dell’area interessata. Lo sgombero della neve dai tetti può essere, in caso di necessità, imposta dall’Amministrazione Comunale. Alla rimozione della neve dai passi carrabili devono provvedere i loro utilizzatori. Le operazioni di rimozione debbono avvenire senza creare problemi per il transito pedonale e veicolare. La neve rimossa non deve essere accumulata sul suolo pubblico. In caso di gelo vige l’obbligo di rimuovere ghiaccioli formatisi sulle grondaie, balconi o terrazzi. Analogamente si dovrà procedere per i blocchi di neve o ghiaccio aggettanti, per scivolamento, su marciapiedi pubblici e cortili privati al fine di evitare pericoli per le persone e le cose avendo cura di recintare l’area in cui si opera. 2. E’ vietato lo scarico sul suolo pubblico della neve rimossa dai cortili. Solamente nei casi di assoluta urgenza e necessità verificata ed accertata e sotto prescritte cautele, potrà essere autorizzato il gettito della neve dai tetti, dai terrazzi e dai balconi sulle piazze e pubbliche vie.

Ulteriori informazioni e consigli sono riportati nell’allegato documento predisposto dal Corpo di Polizia Locale B. Est.

 

Separatore Allegati

Allegati:
Scarica questo file (emergenza neve PL.pdf)emergenza neve PL.pdf3604 kB
Giovedì 5 ottobre alle ore 21 presso la Sala Civica, una serata sulla Protezione Civile.

Giovedì 5 ottobre alle ore 21 presso la Sala Civica, una serata sulla Protezione Civile.

Un po' di storia e il racconto delle attività, a cura della Avpc Rio Vallone, per avvicinare la cittadinanza ad una importante realtà di volontariato.

 

 

Separatore Allegati

Allegati:
Scarica questo file (prot.civile.pdf)prot.civile.pdf208 kB

Corso Protezione Civile

ASSOCIAZIONE VOLONTARI PROTEZIONE CIVILE
RIO VALLONE
O.N.L.U.S.
Servizio Sovracomunale di Protezione Civile
dei Comuni di Aicurzio, Bellusco, Bernareggio, Mezzago e Sulbiate

Organizza il 15° corso base per volontario di Protezione Civile.
L'A.V.P.C. Rio Vallone, associazione di protezione civile convenzionata con il Comune, organizza tale evento per informare la cittadinanza e tutti coloro che vogliano poi diventare volontari, di come comportarsi in situazioni di emergenza.

Allegati:
Scarica questo file (corso base per operatori di protezione civile 151015.pdf)Programma corso712 kB

L’Associazione Volontari Protezione Civile Rio Vallone nasce nel Maggio 1999 grazie all’impegno di sette volontari che capiscono la necessita di aprire un associazione di protezione civile che unisca diversi comuni, ad oggi la nostra associazione è attiva sul territorio dei comuni di Aicurzio, Bellusco, Bernareggio, Mezzago e Sulbiate.

Negli anni l’AVPC Rio Vallone ha partecipato a diverse emergenze nazionali come il terremoto dell’aquila del 2009, terremoto in Emilia nel 2012 e l’alluvione della Liguria nel 2011.

Situazione maltempo – Mercoledì 25 giugno

Oggi a seguito delle forti precipitazioni verificatesi nella mattinata in tutta la Brianza e in Lombardia, eccezionali nella portata e nella concentrazione, alcune situazioni di emergenza hanno richiesto l’intervento di Polizia Locale e Ufficio Tecnico, insieme coi mezzi di soccorso di Protezione Civile e Vigili del Fuoco.

In particolare sono state chiuse al traffico la via Rio Vallone, allagata dalla gran quantità d’acqua proveniente dai campi agricoli a nord, e la strada per Cornate, allagata all’altezza del ponte sul Rio Vallone che è tracimato. La situazione di via Rio Vallone ha determinato l’allagamento di via Indipendenza, anch’essa chiusa al traffico per precauzione.

Il Servizio Meteorologico Regionale di ARPA Lombardia - nato nel 2004 come Centro Unico di Meteorologia per riunire le competenze di diversi Enti operanti in ambito meteorologico sul territorio lombardo, tra cui ERSAF e PMIP - svolge la sua attività a favore dei cittadini, delle Strutture del Sistema Regionale e degli Enti Locali, su mandato della Regione Lombardia.
Le principali attività sono:

Dal 1° Ottobre 2012 è attivo anche nella Provincia di Monza e Brianza il Numero Unico Emergenza 112.
Al numero risponderà un call center che inoltrerà la richiesta ai servizi di pronto soccorso.

Con il nuovo sistema, in pochi istanti, sarà possibile localizzare la chiamata, verrà fornito un supporto multilingue e per i non udenti sarà attivo un servizio sms. I vecchi numeri (113, 115, 118) rimarranno ancora attivi per 5 anni, chiamandoli si verrà indirizzati automaticamente al nuovo call center.

{sharethis}