Associazioni

Associazione Volontari Mezzago - A.V.M.

Referente:
Solcia Giuseppe

Sede:
Via F.lli Brasca, 5
Tel. 039/6067637 - 6067604
dal lunedì al venerdì 9.30/11.30
E-mail: volontari@comune.mezzago.mb.it

Ambito:
Sociale - Anziani - Disabili

Associazione "Insieme si può..." ONLUS - ONG
Aiuto e sostegno al Missionario Mezzaghese Maurizio Crespi

Referente:
Crespi Deborah

Segreteria nazionale:
Belluno
Via Garibaldi, 18
Tel. 0437/291298
E-mail: info@365giorni.org
www.365giorni.org

Sede:
Piazza Chiesa, 3
www.moravelo.blogspot.it

Ambito:
Cooperazione internazionale

 


 

Maurizio dal 2005 è il referente di "Insieme si può..." in Madagascar, ma il suo lavoro di missionario laico nell'isola africana inizia ventidue anni fa, durante i quali opera per varie congregazioni religiose e organizzazioni umanitarie.

Attualmente dirige le attività di ISP a Marovoay (Nord Ovest) in particolare il progetto per i bambini malnutriti, il reparto di maternità, l'ospizio per gli anziani del luogo, lavorando a stretto contatto con Padre Bruno Dall'Acqua. Nel suo blog personale potete leggere la sua quotidianità di "operaio della missione".

Associazione Amici della Biblioteca

Referente:
Stucchi Saul

Sede:
Via S. Biffi, 34
Tel. 039/6883208

Ambito:
Eventi - Libri

Associazione Amici della Musica

Referente:
Sala Angelo

Sede:
Via Matteotti, 66
Tel. 039/6067068 – 039/6022656
dal lunedì al giovedì 15.30/19.30
www.accademiamozzati.it


Ambito:
Attività musicali - Eventi

Associazione Shri Sarveshwari Samooh Italia ONLUS

Referente:
Solcia Viviana
Cell. 333/6460206
Balosetti Claudia

Sede:
Via Curiel, 63
Tel. 039/622329
E-mail: associazione.india@gmail.com
Facebook: https://www.facebook.com/ShriSarveshwariSamoohItalia
www.shriaghoreshwar.org

Ambito:
Cooperazione solidarietà internazionale

 

Associazione La Vecchia Canonica - Villa Brasca

Referente:
Cicogna Francesca

Sede:
Piazza Chiesa, 3
Tel. 3403867848
E-mail: lavecchiacanonica@katamail.com
www.comunitaefamiglia.org


Ambito:
Famiglia - Condominio Solidale - Solidarietà

 


IL SOGNO

Molte famiglie coltivano sogni.
Si, anche i sogni vanno coltivati, come un orto o una pianta, con coraggio, cura e passione.
Con l’attenzione ad ogni segno, con il desiderio segreto e forte di superare l’inverno, spalancare gli occhi in primavera e godere dei frutti in estate.
Il sogno per le famiglie che abitano o abiteranno a Mezzago nella Vecchia Canonica e nella Villa Brasca si chiama vicinato solidale, cioè il vivere da buoni vicini senza rifiutare la diversità dell’altro.
Il recuperare il senso vero di una casa, luogo intimo ma non isolato, disponibile al racconto di sé.
Ed il recupero delle strutture che in passato hanno respirato questi aneliti non è che il tentativo di  riassaporare il gusto del sentirsi compagni di un viaggio.
Tra solitudine e solidarietà vogliamo educarci a scegliere la solidarietà, che è rispetto, fraternità, sostegno reciproco.
E le case che generosamente il territorio di Mezzago ha messo a disposizione come vaso per coltivare questi sogni saranno – ne siamo convinti – un luogo di attraversamento e di incontro tra persone che hanno qualcosa da raccontare o sognare, da chiedere o da dare, che vogliono vivere una vita bella, piena e felice (anche se non facile), abbondante di relazioni, semplice e disposta al dono.

LA STORIA DI UN CAMMINO
Il cammino che MCF ha suscitato a Mezzago è molto originale.
Dapprima la Parrocchia, che da tempo cercava una soluzione per ridare vita alla vecchia canonica ormai in rovina, ha proposto di concederla in diritto di superficie ad ACF perché vi realizzasse una comunità di famiglie.
Nel 2005 alcune famiglie provenienti sia dai gruppi di condivisione sia da precedenti esperienze di comunità, accettarono di impegnarsi per la nascita di questa nuova esperienza. Chi abitava più lontano si trasferì in paese per poter tessere da subito significative relazioni nel gruppo e nel territorio.
Anche il comune di Mezzago, che intuì le ricadute sociali di questo progetto, ne appoggiò lo sviluppo sottoscrivendo insieme a Parrocchia e MCF una dichiarazione di intenti.
L’anno successivo, la famiglia Brasca di Mezzago, proprietaria dell’antica “Villa Brasca” - assai significativa nella propria storia familiare ma da tempo disabitata - venne a conoscenza del progetto vecchia canonica e della presenza di un gruppo di lavoro e propose di cedere la villa in comodato per realizzarvi un nucleo di vicinato solidale.
Il cammino del gruppo di lavoro, tra cantieri, condivisioni, vita quotidiana, fatiche ed entusiasmi, arresti, ripartenze e nuove riaperture, ha portato oggi alla completa ristrutturazione della Villa Brasca, composta da due appartamenti, una foresteria, spazi comuni per gruppi, un grande giardino ed una cantina.
Vi abitano tre famiglie che costituiscono il primo nucleo della futura comunità “gemella” di MCF a Mezzago, affiancate dalla feconda presenza delle altre famiglie del gruppo di lavoro che vivono in paese, e che sono impegnate a realizzare il “sogno” nella struttura della vecchia canonica.

I VALORI
L'idea centrale è che le famiglie, vivendo in strutture non di proprietà, in un contesto di sobrietà e condivisione, accoglienza, fiducia, responsabilità e sostegno reciproco, possano valorizzare la diversità e camminare verso la realizzazione della propria vocazione sperimentando un modo di vivere che rende felici e porta ad aprirsi agli altri ed al territorio.
In particolare, la comunità “La Vecchia Canonica – Villa Brasca” si propone di essere un luogo dove è possibile vivere in modo solidale gli stili dell’abitare, dell’accogliere e dell’incontrare.

ABITARE
Famiglie residenti che vivono, lavorano, fanno crescere i propri figli, incontrano, scambiano.
Pur nella varietà dei carismi, il cuore del progetto contiene l’esperienza di famiglie che scelgono di vivere le une accanto alle altre; abitare significa concretamente che il primo piano della Villa Brasca è destinato ad accogliere due nuclei famigliari, mentre la Vecchia Canonica avrà quattro appartamenti per altre famiglie della comunità.

ACCOGLIERE
Uno spazio di accoglienza è uno spazio di disponibilità importante sia all’interno degli appartamenti dei residenti, sia in spazi più autonomi nel contesto della struttura.
Al piano terra della Villa Brasca è stata ricavata una foresteria (sala zona giorno con cucina, bagno e sala zona notte) che attualmente ospita una famiglia comunitaria, ma potrà essere in futuro destinata ad  accogliere in modo temporaneo (per periodi brevi o medio-lunghi) chi si trova in una situazione di bisogno/fragilità, o chi è in ricerca; nuclei famigliari o single che potranno beneficiare della vicinanza delle famiglie.
Anche nella Vecchia Canonica sono previsti  spazi abitativi di dimensioni medio – piccole, indipendenti ma affacciati sul medesimo cortile, che verranno gestiti in collaborazione con soggetti del territorio anche all’interno di progetti di sostegno specifici.

INCONTRARE
Aprirsi al territorio e creare occasioni d’incontro tra realtà diverse è occasione e necessità vitale per una comunità di famiglie.
Per questo motivo, una parte del piano terra della Villa Brasca (due saloni, cucina autonoma, bagno ed accesso diretto al grande giardino retrostante la villa) sarà destinata a varie iniziative, non solo promosse dalla comunità stessa ma ideate o realizzate in collaborazione con altre realtà: proposte culturali e formative, iniziative aggregative e ludiche per coinvolgere, offrire occasioni di incontro a gruppi o singoli, con attenzione particolare a bambini e famiglie nonché la disponibilità all’ascolto delle diverse necessità che emergono dal rapporto con la comunità locale.
La Vecchia Canonica, invece, potrà interagire con il vicino oratorio, che dispone di molti spazi aggregativi ed anche un grande salone-teatro.

1 + 1 = 6

A Mezzago, quindi, ci saranno due strutture distanti circa 300 m, dentro le quali abiteranno sei famiglie. Questa “doppietà” sarà tratto caratteristico e stimolante della comunità, che da subito ha espresso il desiderio di considerarsi “unica”, pur nella consapevolezza che ciò sarà frutto di una tensione ad accogliere e valorizzare questa ulteriore “diversità”