Ambiente, Territorio e Sostenibilità

Contro il sacchetto selvaggio, parte Fai la cosa giusta, la campagna di CEM Ambiente sui cestini stradali.

Contro il sacchetto selvaggio, parte Fai la cosa giusta, la campagna di CEM Ambiente sui cestini stradali.

Su tutti gli oltre 10mila contenitori presenti nei 59 Comuni soci di Cem Ambiente, verranno attaccati gli adesivi della campagna finalizzata a ridurre la cattiva abitudine di gettare i rifiuti domestici  nei cestini pubblici.

È quanto ha predisposto Cem Ambiente che ha realizzato 15mila adesivi da attaccare ai cestini e 2,5mila manifesti per l’affissione nelle città.

Il tutto comparirà nei 59 Comuni Cem dalle prossime settimane con l’obiettivo di far riflettere i cittadini e di spronarli a compiere azioni corrette nel modo di differenziare e dividere i rifiuti, oltre che a rispettare le regole.

“Buttare il sacchetto di rifiuti di casa nel cestino pubblico è una pratica di pochi – spiega l’Amministratore unico di Cem Ambiente Antonio Colombo - che però pesa sulla collettività e sugli ottimi standard di raccolta differenziata dei nostri Comuni e sul decoro delle nostre città.

L’obiettivo della campagna “Fai la cosa giusta” è di cercare di mettere uno stop a questa cattiva abitudine, andando incontro alle esigenze e alle sollecitazioni che ci sono state manifestata dai nostri Amministratori

Let's Clean Up Europe 2017

La cura del verde, l'amore per il territorio, il desiderio di vivere nel Bello.

Questo è l'obiettivo che vogliamo perseguire, ogni giorno, con le nostre azioni quotidiane. Insieme, sarà più facile.

L'Amministrazione Comunale, anche quest'anno, ha aderito all'iniziativa Let's Clean Up Europe: armati di sacchetti, guanti e voglia di partecipare gireremo per le vie del paese raccogliendo ciò che per terra non deve stare e abbellendo alcune rotonde che reclamano piante e fiori.

Appuntamento alle 10.00 al Bosco in Città per la pulizia, pic-nic insieme (beveraggio offerto dai Commercianti di Mezzago) e nel pomerigio abbellimento insieme dell'aiuola davanti alla Chiesa Maria Assunta di Mezzago con i fiori del premio Mezzago InFiore 2016.

 

Anche la Pro Loco e l'Associazione Commercianti saranno attivamente partecipi esponendo fuori dai loro esercizi un gradevole vaso fiorito ed un cartello che invita tutti noi dicendoci: "Ti piace il mio negozio? Lui vorrebbe essere bello dentro e fuori. Aiutaci a tenere pulito".

Aderiamo insieme, ogni giorno.

La rete “I Territori del Cibo” promuove il 1 aprile 2017 dalle 10 alle 18 a Bergamo, nel complesso del Monastero di Astino, un convegno dedicato alla Cooperazione quale possibile e virtuoso modello di sviluppo locale.  Il Convegno presenterà esperienze concrete di “cooperative di nuova generazione”, a partire da quelle che fanno parte della retee da esempi virtuosi di ogni parte d’Italia. Fondata nel marzo 2016, la rete “I Territori del Cibo” unisce nove eccellenze agroalimentari lombarde decise a lavorare in maniera concreta alla tutela e promozione di prodotti locali e sostenibili, confrontando le proprie esperienze ed interrogandosi sulle opportunità di gestione e crescita di realtà locali fortemente connotate da fattori umani e qualitativi.

In arrivo più di 850.000 euro di investimenti sugli edifici comunali mezzaghesi.
Scuole, Biblioteca e Municipio di Mezzago, saranno oggetto di diversi interventi di risparmio energetico, grazie alla scelta dell'Amministrazione Comunale di partecipare al progetto "6 comuni efficienti e sostenibili nel vimercatese", promosso e realizzato attraverso fondazione CemLab.
Il progetto nasce dall'adesione al "Patto dei Sindaci", avvenuta nel 2011 con la successiva realizzazione del PAES - Piano di Azione per l'Energia Sostenibile, che contiene obiettivi e azioni nel campo ambientale ed energetico volte alla riduzione delle emissioni di CO2.

Allegati:
Scarica questo file (Infografica_6CS.pdf)Riqualificazione energetica948 kB

“Ecofeste, perché per divertirsi non occorre inquinare”. Così recita lo slogan del progetto messo in campo dall’Amministrazione Comunale di Mezzago, e presentato alle diverse associazioni e gruppi di volontariato operanti in paese, nella serata di lunedì 19 febbraio nella sala consiliare del comune.

Tutto nasce dalla considerazione che feste e sagre, diventate nel tempo una tradizione consolidata del nostro comune, hanno un loro peso ambientale, che si manifesta attraverso la produzione di una considerevole mole di rifiuti – piatti e posate di plastica, cartoni, bottiglie, avanzi di cibo - che vanno raccolti e smaltiti.

Già a partire dal 1997,  nell’ambito dello studio per la Variante al Piano Regolatore, il comune di Mezzago improntò il processo di pianificazione dello sviluppo del territorio su due concetti ben precisi: la sostenibilità ed il coinvolgimento degli abitanti.

Nell’intendo di privilegiare il punto di vista dei bambini, l’amministrazione propose alle scuole il progetto “Bambini per una Mezzago sostenibile” che inizialmente li coinvolse  nella definizione e ricerca di indicatori qualitativi e quantitativi sullo stato dell’ambiente e successivamente sulla mobilità. Il progetto si poneva l’obiettivo di promuovere una migliore mobilità autonoma dei bambini all’interno del paese in tutti i loro spostamenti quotidiani cercando di incidere positivamente sul loro sviluppo, sulla qualità dell’ambiente attraverso un minore utilizzo dell’auto e sui tempi delle famiglie.

Sino al 29 gennaio sarà possibile presentare domanda di preiscrizione al Corso di Formazione per Guardie Ecologiche Volontarie (GEV) presso il Parco Regionale dell'Adda Nord. Le guardie ecologiche sono volontari che, appositamente formati, dedicano il proprio tempo alla difesa dell’ambiente. Questi volontari svolgono il servizio di vigilanza ecologica, verificando il rispetto della normativa riguardante illeciti amministrativi di natura ambientale, esercitano funzioni educative dirette alle scolaresche e alla cittadinanza, partecipano a monitoraggi e progetti naturalistici, collaborano con le autorità competenti in caso di emergenze di carattere ecologico e per la difesa del territorio.